associazione culturale e di promozione sociale P. Iva 05662841211 Sede: via Marano Pianura n░ 75/A  - 80016 Marano di Napoli (NA) - tel. 3880788930 Associazione Baba Jaga per informazioni e prenotazioni EVENTI DOCENTI CONTATTI CHI SIAMO CORSI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CORSI PER IL TEMPO LIBERO HOME CORSI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE Y oga tecniche di rilassamento Mercoledý ore 18.00 - 20.00 Giovedý ore 10.30 - 12.30 Il 27 e 28 settembre la classe Ŕ aperta! Prenota la tua lezione di prova gratuita! baba jaga
Il corso settimanale di Yoga*   proposto dalla Nostra Associazione  rispetta la tradizione dello Hatha  Yoga classico (integrato anche con  pratiche del Kundalini e del Raja  Yoga), ponendo particolare cura alla  postura ed alle capacità fisiche di  ogni praticante Tutte le asana proposte non hanno  controindicazioni  Hatha Yoga: il Sole e la Luna  « "Ha" significa sole, che è il sole del nostro corpo, cioè l'anima, e "tha"  significa luna, che è la nostra  coscienza […] » B.K.S. Iyenger   Lo Hatha Yoga è forse la forma di  Yoga più conosciuta in occidente. La parola Hatha è composta da Ha   (il principio maschile  – alto – luce –  sole) e Tha (il principio femminile –  basso – buio – luna), anche in  relazione ai due canali energetici  principali, le cosiddette Nadi,  (Pingala, il canale maschile/solare e  Ida, il canale femminile/lunare). Il  termine Yoga significa invece  Unione. L’etimologia del termine, quindi,  rappresenta ed esprime al meglio il  principio su cui si basa lo Hatha  Yoga: l’opposizione e la  complementarità che mirano al  superamento del dualismo  attraverso l’armonia, l’unione,  l’equilibrio delle due forze. Le due  forze Sole e Luna sono presenti in  ognuno di noi creando la nostra  unicità costituzionale. Gli antichi  sistemi filosofici orientali si basano  tutti sul principio dell’olismo e sulla  necessità di integrare tutti i livelli e  le qualità della personalità  dell’essere umano, in un sistema  che naturalmente tende  all’equilibrio, all’omeostasi. L’energia che nutre la nostra vitalità è in  movimento costante, il movimento  stesso della Vita, con peculiari  qualità contingenti che variano nello  spazio/tempo. Ecco che l’equilibrio  diventa dinamico e fluido, in grado  di mantenere e preservare la  specificità di ogni singolo individuo.  Lo Hatha Yoga interviene nel creare  e ripristinare l’equilibrio e l’armonia  tra le due forze: attraverso le  pratiche mirate (Pranayama,  Bandha, Mudra, Asana, Pratyahara,  Dharana, Dhyana, Samadhi)  l’energia della Kundalini è libera di  fluire attraverso il canale centrale   Sushumna  Ogni sessione di Yoga ha la durata  complessive di circa 2 ore:  una parte iniziale è dedicata  all’accoglienza ed alla  verbalizzazione dello stato generale  della persona. Si prosegue con  esercizi di Pranayama, la pratica del  respiro consapevole, che ha anche la  finalità di aumentare il grado di  concentrazione e la capacità di  rilassamento. La parte centrale della  sessione è dedicata all’esecuzione di asana, esercizi specifici mirati al  ripristino della giusta circolazione  energetica. La sessione si conclude con una fase di rilassamento ed una specifica  meditazione secondo il tema della  sessione. Obiettivo del corso    Ottenere un beneficio immediato  durante le sessioni Imparare tecniche molto semplici ed  accessibili a tutti da potere eseguire  anche da soli come pratica  quotidiana Educarsi all’ascolto del corpo, del  proprio stato emotivo e mentale,  così da indirizzare la propria vita  verso quelle azioni che possano  portare benessere e appagamento  dei propri bisogni Come agisce lo Yoga                                                    Lo Yoga è una disciplina molto  antica, nata in regioni che oggi  costituiscono l’India del Nord. Il termine Yoga si ritrova già nel più  antico dei Veda (i testi sacri indiani)  con il significato di "unire". È proprio  l’etimologia della parola che spiega il significato della disciplina: è una  pratica che permette di ottenere,  attraverso l’unione di mente e  corpo, quella che viene definita  “presenza mentale” o, usando un  termine più familiare a noi  occidentali, concentrazione. Alla base della pratica dello Yoga ci  sono le tecniche di respiro  consapevole (Pranayama).  Il respiro è l’unica funzione  fisiologica che appartiene sia al  Sistema Nervoso autonomo che  volontario: come tale costituisce il  punto di unione tra conscio e  inconscio. La pratica dello Yoga si  basa sull’uso consapevole del respiro e sulla capacità di gestire il ritmo e  l’intensità di questa funzione vitale  dell’organismo. Una frequenza  respiratoria lenta e regolare attiva il  SN parasimpatico, il sistema di  regolazione del riposo, stimola la  produzione di serotonina e   acetilcolina (antagonista  dell’adrenalina, l’ormone che attiva il SN simpatico), attiva i meccanismi  di equilibrio interno (autoregolazione – omeostasi): questo si traduce in  un’attività mentale lenta e profonda  (aumento delle onde alfa),  diminuzione e regolazione della  frequenza cardiaca, migliore  ossigenazione dei tessuti e degli  organi, eutonia muscolare.  Una sessione di yoga inizia proprio  con la pratica di pranayama, la  respirazione consapevole. Prosegue  con la pratica di posizioni mirate  (asana), che devono essere  mantenute per un tempo variabile a  seconda dell’esperienza e delle  capacità fisiche di ciascuno. Il mantenimento statico della  posizione è accompagnato da una  frequenza lenta e profonda del  respiro; la concentrazione mentale è  portata in quelle aree del corpo  maggiormente sollecitate dalla  posizione. Questo produce un  duplice effetto: la lentezza dei  movimenti, la staticità delle  posizioni e la frequenza lenta e  regolare del respiro aiutano a  rilassarsi; la concentrazione mentale  sul corpo aumenta la capacità di  propriocezione, stimolando la  sensibilità e l’ascolto, quindi,delle  proprie sensazioni ed emozioni più  profonde.  La pratica costante si traduce in   maggiore consapevolezza delle  diverse aree del proprio corpo;  agilità ed elasticità fisica; aumento  della capacità di concentrazione;  ripristino dello stato di equilibrio  dell’intero organismo. *Attività disciplinata dalla legge 4/2013